Fashion&Films: Anonymous


Anonymous è un film che ho visto di recente al cinema e che devo dire mi è piaciuto molto. Ho avuto qualche difficoltà di orientamento temporale, le scene vanno avanti e indietro nel tempo, nel film, ma non voglio anticiparvi nulla, siamo qui per parlare dei costumi e non della trama!
Il film dovrebbe essere ambientato tra la metà del 1500 in Inghilterra, quando i protagonisti sono giovani, ed i primi del 1600.
Il mondo, per quanto riguarda l’abbigliamento, durante il cinquecento, si ispira alla Spagna. Nella prima metà del secolo gli abiti sono molto voluminosi ed in modo particolare in senso orizzontale.
Gli uomini indossano la camicia, increspata al collo ed ai polsi, sopra la quale indossano il farsetto che è una sorta di giubbotto a maniche lunghe, e nella parte inferiore dei semplici calzoni, di solito poco visibili.
Nella seconda metà del secolo inizia l’utilizzo della “gorgiera” un particolare colletto simile ad un collare bianco (fig.6).
Anche l’abbigliamento femminile ha una particolare enfasi orizzontale. Indossano un rigido corpetto dallo scollo profondo e quadrato (fig.1), dal quale parte una gonna ampia, delle volte con un’apertura centrale a V capovolta (lascia vedere la gonna sottostante).
(Solo più avanti, quasi alla metà del secolo si userà il “verdugale” sottogonna imbottito che determina l’ampiezza della gonna).
Il robone (fig.1) è una sopravveste con le maniche ampie.
Nella seconda metà del secolo, oltre alla gorgiera per le donne inizia la moda del collo alla Stuarda (fig.5) simile ad un ventaglio. Il sottogonna, nella seconda metà del secolo è differente (fig.6) chiamato verdugale a ruota, in cui la gonna si allarga in modo orizzontale su un cerchio e poi ricade verticalmente.

Only italian version.

Share This Story

FASHION

You May Also Like